MST_K35 - PROTEZIONE INVERSIONE POLARITÀ PER CARICHI IN CC



1     >>>

INTRODUZIONE

 Spesso capita di alimentare un circuito in CC con una  batteria (alimentatore) senza aver avuto cura di controllare la polarità. Nel caso sfortunato si applica al circuito che si vuole alimentare una tensione invertita provocando enormi danni. Il progetto  MST_K35  presentato in queste pagine del sito, permette di evitare danni dovuti alla inversione di polarità.  Il circuito a relè presentato non ha gli stessi svantaggi che sono tipici dei circuiti classici di protezione.

Svantaggi dei metodi classici

Il circuito di protezione classico presenta diversi svantaggi in funzione dei componenti che utilizza soprattutto se le correnti in gioco sono elevate ( > 5A). Prendiamo in considerazione il circuito di protezione a diodo in figura.  

Questo circuito e’ costituito da un diodo D1 al silicio messo in antiparallelo alla alimentazione con  in serie un fusibile F1. Lo svantaggio principale e’ quello di provocare  la rottura del fusibile in caso di inversione e quindi la sua sostituzione (non sempre si ha il fusibile di scorta). Per la sua realizzazione si richiede un diodo che possa sopportare correnti elevate con tempi di intervento abbastanza veloci. Se si utilizza un diodo con una corrente diretta più bassa di quella che può fornire l’alimentatore si  ha la sicura rottura del diodo e, se il tempo di intervento del diodo non e’ abbastanza basso, allora la tensione inversa può arrivare ai capi del circuito nel tempo di ritardo del diodo. Anche il fusibile rappresenta un problema in quanto va dimensionato appositamente in funzione del carico e se si apportano modifiche al carico deve essere cambiato. 
Altri metodi che utilizzano  diodi singoli o
ponti di diodi in serie alla alimentazione hanno lo svantaggio di introdurre una caduta di tensione che può avere un valore di 0,6V circa per il singolo diodo o valori di 1,2V nel caso di un ponte. Anche in questo caso il diodo deve essere ben dimensionato tenendo conto dei valori di inrush current che si possono avere per la presenza di capacitori messi in parallelo all’ingresso.


Vantaggi del circuito a relè

I vantaggi del circuito a relè rispetto a quelli classici sono:

  • Non ha rotture di parti durante la protezione;

  • Non introduce cadute di tensione;

  • Non  va dimensionato;

  • Applica l'alimentazione  solo se valida



1     >>>